Poche righe per rispondere a domande che vengono frequentemente poste ai “gasisti” già attivi. È importante ricordare che, pur secondo principi comuni, ogni G.A.S. si organizza in modo autonomo secondo le esigenze espresse e concordate tra i soci.

Cosa sono i Gruppi di Acquisto Solidale (G.A.S.)?
I G.A.S. si costituiscono, in genere, per favorire l’acquisto di beni e servizi (alimentari e di uso comune) prodotti nel rispetto dell’ambiente e dei lavoratori. Il gruppo favorisce anche la riflessione sui temi dell’alimentazione con prodotti biologici o equo-solidali e si basa sulle relazioni tra i soggetti che, oltre ai ruoli di produttori e consumatori, mettono in gioco i propri “volti” e le proprie storie!
I G.A.S. sono caratterizzati da tre aggettivi: piccolo, locale e solidale. Piccolo per permettere un’organizzazione semplice e per favorire la relazione tra i soci. Locale per l’interesse e la responsabilità verso il proprio territorio.

Si ma… perché Solidale?
Un gruppo d’acquisto diventa  solidale  nel momento in cui decide di utilizzare il concetto di solidarietà come criterio guida nella scelta dei prodotti. Solidarietà che parte dai membri del gruppo e si estende ai produttori che forniscono i prodotti, al rispetto dell’ambiente, ai popoli del sud del mondo e a coloro che, a causa dell’ingiusta ripartizione delle ricchezze, subiscono le conseguenze inique dell’attuale modello di sviluppo.

Con che frequenza ci si incontra e dove?
Ci si incontra circa una volta al mese secondo le disponibilità dei soci. Gli incontri si tengono solitamente in sere infrasettimanali a casa di uno dei soci o in altra sede concordata. La riunione è il momento in cui ci si conosce, si commentano attività e prodotti, si organizzano ordini ed attività. Ogni tanto durante l’anno si organizzano momenti comuni che offrono la possibilità di incontrare e conoscere un produttore o una realtà economica, sociale, culturale interessante. Generalmente gli incontri di qualsiasi tipo sono caratterizzati da convivialità. Questo rende unico il modo di fare la spesa tramite il G.A.S.

Quali sono i criteri per la scelta dei prodotti?
Si preferiscono PICCOLI PRODUTTORI perchè è più facile conoscerli, lavorano con più intensità di manodopera che non di capitale, i soldi che si spendono finanziano l’occupazione e non gli azionisti.
Si preferiscono PRODOTTI LOCALI per ridurre l’inquinamento e lo spreco energetico dovuti al trasporto della merce, perché i prodotti sono più freschi e non richiedono conservanti, si possono conoscere i produttori, verificare il loro comportamento e apprezzare la “storia” di ogni prodotto.
Si preferiscono PRODOTTI BIOLOGICI perchè sono ottenuti senza l’uso di pesticidi, diserbanti e concimi chimici (che inquinano e consumano energia), rispettano la terra (per inquinare ci vuole un attimo, per bonificare decenni), vogliamo mangiare cibi naturali, recuperarne i sapori e riavvicinarci ai ritmi stagionali della natura.
Si preferiscono PRODOTTI ETICI perché, nell’era della globalizzazione, le multinazionali spostano la produzione dove i costi sono più bassi, la manodopera è sottopagata e i lavoratori non hanno diritti: preferire questi prodotti significa aiutare a regolare il mercato del lavoro, contribuire ad un mondo più giusto, al rispetto dell’uomo e alla lotta contro lo sfruttamento.

Fare acquisti tramite il G.A.S. mi permette di risparmiare?
I Gruppi di Acquisto Solidale hanno come obiettivo di pagare il  prezzo “giusto” cioè che assicuri ai produttori sufficiente remunerazione. Si tratta generalmente di prodotti di elevata qualità che possono essere leggermente più cari (ma a volte anche meno costosi) rispetto a prodotti simili disponibili nei supermercati tradizionali, ma spesso più convenienti rispetto ai negozi specializzati bio. Ai G.A.S. vengono solitamente praticati prezzi speciali, scontati o calcolati ad hoc, in considerazione, per esempio, delle grandi quantità ordinate, del miglior sfruttamento dei trasporti, del minor confezionamento in pezzi singoli, ecc. Nel medio periodo, si può risparmiare perchè programmando spese e consumi si effettuano meno acquisti di impulso.

C’è una quantità minima ordinabile per ogni persona o nucleo familiare?
In genere, non sono richieste quantità minime dal GAS, ma alcuni produttori (una minoranza) offrono cartoni interi e non singole confezioni (pasta, conserve di pomodoro, vini, ecc.). In questi casi è possibile mettersi d’accordo per ordini collettivi di cartoni da dividere tra i soci.

Ogni quanto si ordina?
La frequenza può variare molto a secondo delle esigenze dei soci e della tipologia di prodotti: da una volta la settimana per i prodotti freschi fino una volta ogni 4 mesi per i prodotti confezionati.

Dove avvengono le consegne?
Tutti i prodotti vengono consegnati a casa del referente di prodotto (o chiunque abbia spazio sufficiente a riceverli e distribuirli), tramite i produttori stessi o corriere. Il ritiro da parte dei soci avviene secondo modalità comunicate di volta in volta dal referente medesimo cercando di ottimizzare e rendere comodi gli spostamenti dei soci (per esempio concentrando più consegne lo stesso giorno, approfittando dei tragitti per/dal lavoro, etc)

Quanto impegna appartenere al G.A.S.
Il GAS funziona grazie al volontariato: suddividendo equamente i compiti l’organizzazione del G.A.S. è leggera ed efficace. Naturalmente ognuno porta avanti un’incarico secondo le proprie disponibilità di tempo, attitudini, competenze, interessi. Ci sono compiti preferibilmente fissi (per esempio la contabilità) e altri da svolgere a turni.
Mediamente per gestire un ordine il referente è impegnato non più di 2/3 ore tra ricezione e invio ordini e consegna della merce ai soci.

Come avvengono i pagamenti?
Anche qui ogni gruppo stabilisce le prorie modalità. Un metodo tra i più usati è quello di utilizzare un conto corrente comune del G.A.S. in cui viene tenuta contabilità di ogni aderente. Periodicamente e anticipatamente rispetto agli ordini, il singolo “gasista” potrà caricare tramite bonifico bancario una quota in modo da assicurare un fondo cassa con cui pagare i produttori nei tempi più brevi possibili. Gli importi definitivi dei singoli acquisti vengono scalati via via dal proprio conto. I prezzi applicati sono esattamente quelli richiesti dai produttori, senza ricarichi di nessun tipo, a parte eventuali spese di spedizione concordate.