La Casa Comunità “Carlo Livi” è una struttura rivolta all’accoglienza di pazienti psichiatrici, la cooperativa di Mancasale è da sempre attenta ai bisogni delle persone in difficoltà.

gobetti1

Il settore Salute Mentale de L’Ovile dispone di una filiera di appartamenti a diversi livelli di protezione che gestisce per il progressivo sviluppo delle autonomie e il reinserimento sociale di persone in disagio psichico.

Abbiamo incontrato il dott. Marco Santarello, Responsabile del Servizio Salute Mentale, a lui abbiamo chiesto alcune domande.

La Casa Comunità “Carlo Livi” quanti pazienti è in grado di accogliere?
La struttura è stata pensata per accogliere 11 persone, sebbene la normativa sulle comunità alloggio consenta di accogliere fino a 15 persone.

gobetti2

Che tipo di personale impiegato, in una struttura come questa?
L’equipe è composta da personale formato e rispondente alle specifiche della normativa vigente. Nello specifico le figure professionali che andranno a costituire l’equipe saranno Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica, Operatori Socio Sanitari, Educatori Professionali e Psicologi. A capo dell’equipe è posto un coordinatore che a sua volta risponde a un Responsabile di Servizio messo a presidio di tutto il settore Salute Mentale della Cooperativa.

gobetti4

Via Gobetti fa parte della zona adiacente alla Stazione Ferroviaria Centrale, spesso al centro delle cronache con diversi tipi di problemi sociali, una struttura come questa come si inserisce in questo contesto?
Costituisce sicuramente un presidio di legalità in una zona spesso al centro delle cronache per quanto riguarda episodi di criminalità e micro-criminalità. Il lavoro svolto dall’equipe è teso anche a favorire un’azione di coesione sociale ponendosi come uno dei nodi della rete cooperativa e associativa che sta vedendo importanti movimenti volti alla riqualificazione della zona

gobetti3

Un’ultima domanda, la struttura è intitolata a Carlo Livi, come è avvenuta la scelta?
La scelta è andata in continuità con l’intitolazione del gruppo appartamento che, trasferitosi dalla precedente ubicazione sempre sulla città di Reggio, ha costituito il nucleo originale della comunità alloggio. La scelta originale di intitolare la struttura a Carlo Livi era dovuta all’importante contributo che tale psichiatra ha apportato alla psichiatria e alla psichiatria reggiana in particolare.

 

La Casa Comunità “Carlo Livi“, è in via Gobetti 1 a Reggio Emilia, sarà inaugurata sabato 25 novembre alle 11,00 alla presenza di: Matteo Sassi Vicesindaco Comune Reggio Emilia, Gaddomaria Grassi Direttore DSM AUSL Reggio Emilia, Roberto Magnani Confcooperative Reggio Emilia e Valerio Maramotti Presidente Cooperativa L’Ovile.

Per maggiori info su Coop.L’Ovile

sito – fb

come arrivare:  mappa