Nel prossimo fine settimana succederà qualcosa che potrebbe creare qualche modifica alla vita di molti di noi.
Per i meno giovani Sabato, domenica e venerdì ricorderà forse una commedia di fine anni 70, con protagonisti Lino Banfi ed Edvige Fenech, ma nel 2015 saranno i lavoratori della Grande Distribuzione Organizzata i protagonisti, non di un film, ma di uno Sciopero Nazionale organizzato dai sindacati FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTUCS-UIL, indetto nella giornata di sabato 7 novembre.

12065590_1832970840262517_8386811871557608784_n (1)

Le motivazioni dello sciopero sono legate al rinnovo del contratto di lavoro, che vede il disaccordo tra i sindacati dei lavoratori e le organizzazioni che rappresentano le aziende.
Nella giornata di sabato 7 novembre potrebbe succedere di trovare chiuso o aperto parzialmente il negozio, supermercato o ipermercato dove usualmente ci rechiamo a fare la spesa.
L’invito è quello di anticipare la spesa al venerdì, non di posticipare alla domenica, perché solo non andando ad acquistare alla domenica si può effettuare pressione sulla GDO, affinchè scelgano di chiudere alla domenica ed i festivi, permettendo ai lavoratori ed alle lavoratrici di passare almeno un giorno in famiglia.
Da qualche anno, a causa della sciagurata scelta del governo Monti, i supermercati hanno la possibilità di essere sempre aperti, senza limitazioni.