Fare San Martino (“fèr Sàn Martèin” in dialetto reggiano) è un  modo di dire usato nel territorio a vocazione agricola della pianura padana. 
Significa cambiare lavoro e luogo di lavoro o, in senso più ampio, traslocare.
L’origine di questo modo di dire risale ad alcuni secoli or sono ed aveva un riscontro pratico sino a qualche decennio fa, quando una significativa parte della popolazione attiva della padana era occupata nel settore agricolo in qualità di braccianti o mezzadri.
L’anno lavorativo dei contadini terminava agli inizi di novembre, dopo la semina. Qualora il  datore di lavoro (proprietario dei campi e della cascina) non avesse rinnovato il contratto con il contadino per un l’anno successivo, questi era costretto a trovare un nuovo impiego altrove, presso un’altra cascina.

San Martino è anche il patrono di  Vezzano sul Crostolo, in questa occasione si svolge la tradizionale fiera paesana del comune della provincia reggiana, che si trova sulla Strada Statale 63, la principale via di comunicazione che da Reggio Emilia porta verso il passo del Cerreto.
La fiera averà luogo domenica 9 novembre, con il mercato straordinario e agricolo, la mostra mercato delle opere di ingegno creativo ed il mercatino del riuso.

In questa edizione sarà anche presente uno stand della Cooperativa L’Ovile, che presenterà le varie attività ed i prodotti realizzati.

Utilenetto3

 

Per info sul programma, clicca sull’immagine per ingrandire

vezzano.image-2

 

mappa